Rocco e i suoi fratelli (Rocco and his Brothers), Parte V

Regia di Luchino Visconti (1960)

ENGLISH TRANSLATION

ROCCO Puntata 2

Una notte piovosa in città. Ivo – l'amico che ha raccontato a Simone di Nadia e Rocco – sta alla finestra in un bar, in attesa. Indossa una specie di giacca leopardata. Nell'oscurità fuori, una figura solitaria si avvicina in bicicletta.

Simone apre la porta per far entrare il ciclista, un giovane con una giacca di pelle e un berretto di maglia. Lamentandosi del freddo, corre a prendere un caffè.

"Allora?" chiede Ivo.

Con il sottofondo della musica pop del jukebox, il ciclista racconta la sua storia: "Dunque l'ho seguito. Era con una bionda".

"Da che parte?"

"Oltre il sottopassaggio. Vanno sempre lì, vicino a dove passa il treno. In mezzo ai prati della Ghisolfa".

Simone guarda in quella direzione, come se potesse vedere qualcosa dal bar. Alle sue spalle c'è un poster sulla boxe: simbolo del suo fallimento.

Sembra ancora essere sotto shock. Cammina lentamente e poi si ferma, dicendo esitante: "Ci potremmo sbagliare. Potrebbe essere che non è lei".

"Non fare lo stupido. Se ti dico io che è lei, è lei".

Simone concorda. "Forza, andiamo a vedere".

“Aspetta, prenderò la mia bicicletta e ti mostrerò".

Gli uomini corrono verso il prato. Vedono il loro amico Romeo passare in auto e gridano: "Siamo qui!"

Lui gira il veicolo, si ferma, e tutti corrono da lui.

"E allora?" chiede Simone a Romeo.

"Sono lì. Andiamo".

“Va bene. Io vengo. Ma se poi non sono loro vi picchio!”

Simone e Ivo salgono in macchina. Partono seguiti dal ragazzo sulla bici e da altri due uomini del bar.

Arrivano a destinazione. Nel campo lungo, incorniciato dall'oscurità, vediamo un edificio basso e una luminosa foschia di pioggia sotto i lampioni. Romeo ferma la macchina e tutti escono. Indica, dicendo: "Sono lì sotto, vicino alla baracca. Sono arrivati adesso".

Simone pianifica l'attacco. "Ragazzi, voi scendete da questo passaggio. Io vado da questa parte, capito?" Lui la voleva, lei non l'ha mai amato, e ora ama suo fratello. Ha pensato a quello che sta per fare. "Aspettate il mio segnale, va bene? Andate!"

Ivo lo ferma. "Ci vai da solo?"

"Sì".

Simone cammina furtivamente nell'erba, attraverso un cancello e giù per delle scale. Ivo segue da vicino.

Il posto è coperto di vegetazione. Fermandosi, Simone divide i cespugli e sbircia.

Rocco e Nadia sono in piedi accanto a una struttura diroccata, parlano tranquillamente e si baciano. Lei indossa un semplice trench bianco. In primo piano, la faccia di Simone è un ritratto di confusione e rabbia.

All'improvviso la coppia viene colta di sorpresa da un suono. Allarmato, Rocco chiede: "Hai sentito? Che sarà?"

"Niente". Alza le spalle lei. "Sarà un gatto".

33.png

Improvvisamente Simone emerge dai cespugli e dice "Fermatevi".

"Che ti succede?" chiede Rocco. "Non posso stare con chi mi pare?"

Nadia inizia ad allontanarsi in punta di piedi. Rocco va da lei.

36.png

"Sì, con chi ti pare" – risponde Simone – "Ma non con questa qui che era la mia ragazza! Non mi farai uno zimbello! Hai capito?"

"Ma è una storia vecchia" – risponde Rocco – "Sono più di due anni che non la vedi".

37.png

Simone si volta, si mette le dita in bocca e fischia. Rocco e Nadia si guardano, scioccati e impauriti.

Gli uomini emergono dai cespugli, minacciosi, pronti all'azione.

Nadia chiede: "Ma cosa succede? Che cosa vuoi, Simone? Cosa volete tutti?"

“Prima, chiedimi perdono”.

Con un sorriso, Rocco chiede: "Ma perché, Simone?"

Simone colpisce Rocco in faccia. Mentre Rocco si ripara dal colpo, Nadia corre e lo abbraccia. Lei dice a Simone: "Sei un vigliacco!"

Simone ripete: "Chiedimi perdono ti ho detto!"

Gli altri uomini stanno a guardare.

Nadia indietreggia, sollecitandolo: "Rocco, vieni. Vedi che è ubriaco?" Lei è una sagoma scura, bordata di luce.

Simone la insegue e la afferra. Rocco gli urla di fermarsi.

Nadia urla: "Non farlo, Simone!"

"Faccio quello che voglio!"

Mentre un treno fischia vicino, Nadia cerca di fuggire dalla presa di Simone. Una nuvola di fumo si alza da un falò dietro di loro.

Ivo afferra Rocco quando prova a intervenire. Vediamo le due coppie che combattono su una distesa di terra desolata, con poche macchine e lampioni in lontananza.

Nadia si libera momentaneamente, ma Simone ha altre idee. "Dai un'occhiata alla tua Nadia. A come lei fa l'amore".

Strappa il suo cappotto e lei fugge di nuovo, solo per essere catturata di nuovo. Lui la spinge a terra.

Rocco riesce a staccarsi da Ivo, ma gli altri uomini lo sopraffanno. "Tenetelo! Deve guardare! Deve imparare la lezione!" ordina Simone.

52.1.png

"Rocco, aiutami! No Simone!" urla Nadia.

Rocco lotta e urla: "Simone! Non lo fare!"

Simone toglie le mutandine a Nadia e le alza in aria. "Ecco, prendile". Le lancia a Rocco. Cadono sulla sua testa e poi per terra.

"Rocco, aiutami!" grida Nadia disperatamente.

Poi gli uomini rilasciano Rocco, che osserva con orrore ciò che sta accadendo. Infine piange tra le sue mani.

Simone stupra Nadia; non ci vuole molto tempo. Poi si alza e guarda lontano. Nadia singhiozza e cerca con fatica di mettersi in piedi, spettrale e incorniciata dal fumo. "Rocco, parlami. Dimmi che... dimmi... " Ma non riesce a finire la frase. Rocco non dice niente e non la raggiunge. Abbassa lo sguardo mentre lei barcolla via, il suo cappotto bianco coperto di terra.

I quattro uomini, i suoi accusatori, semplicemente stanno in piedi in silenzio e la guardano mentre passa. Questa giovane donna con i suoi sogni di felicità, un uomo che l'amava, che si era iscritta a scuola, capovolgendo la sua vita: è solo una prostituta ai loro occhi, una cosa inutile, una proprietà abbandonata che ha causato un problema tra due bravi uomini.

Rocco, coperto di fango, barcolla verso un albero, singhiozzando, e si accascia su di esso. Simone dice ferocemente: "La lezione l’hai imparata. Il resto, poi ne parliamo a casa".

"Mi fai schifo", risponde Rocco.

"Dillo ancora se hai il coraggio".

"Mi fai schifo".

Simone lo colpisce allo stomaco.

"Basta, Simone!" dice Ivo, la cui unica preoccupazione era vendicarsi di Nadia, una questione che ora è stata risolta.

Rocco urla "Sei mio fratello! Che posso fare?"

"Non potevi pensare prima che ero tuo fratello? Ci pensi ora solo perché hai paura?"

"Non ho paura".

"Ah, no? Allora, fammi vedere".

Rocco colpisce Simone in piena faccia e si gira per andarsene. Un treno fischia mentre Simone lo insegue.

Inseguito da Simone, Rocco barcolla sul terreno irregolare e si appoggia a un edificio per sostenersi. Barcollando, Simone lo raggiunge e lo colpisce di nuovo. Rocco cade.

Rialzandosi, con la mano che copre un occhio, barcolla fino a una fontana, dove si getta un po’ di acqua fresca sulla faccia. Anche Simone prende un po' d'acqua, guardando Rocco, che sta lì, praticamente disfatto. Sembra essere finita. Ma Simone tira indietro il pugno e lo colpisce ancora una volta.

71.png

Ora in un campo lungo, vediamo a malapena i fratelli nella strada buia, mentre lottano. Una serie di edifici illuminati svanisce in lontananza dietro di loro. Simone è implacabile; Rocco non sembra essere in grado di allontanarsi da lui. Sentiamo un altro treno che fischia e il suono di una macchina che si avvicina.

La macchina si ferma e gli amici di Simone scendono a prenderlo. Lo costringono a salire in macchina, passando proprio accanto a Rocco, che è collassato a terra. Le porte sbattono e la macchina parte, lasciando Rocco sul marciapiede, con la testa che penzola sul canale di scolo accanto a dei detriti.

1.png

L'appartamento di Vincenzo e Ginetta nel mezzo della notte. Il campanello suona e il bambino inizia a piangere. Ginetta sveglia Vincenzo. "Vince’, hanno suonato! Vai a vedere!"

2.png

È una stanza piccola e ingombra. Vincenzo cammina accanto a file di vestiti appesi ad asciugare e apre la porta per vedere Rocco, che è un disastro di sangue.

“Rocco! Che è successo, Rocco?!"

Rocco cade tra le sue braccia. Vincenzo fatica a sostenerlo.

“Ginetta!”

"Che c’è?"

"Guarda!"

Ginetta sta tenendo il bambino. Quando vede Rocco, soffoca un urlo e rantola il suo nome: "Rocco!"

Vincenzo stende Rocco sul letto e gli chiede cosa sia successo.

"Niente niente. Vince’, lasciami stare qua con te".

"Sì".

"Avvisa a casa, così mamma non si preoccupa", balbetta, tremando. Poi, svanita tutta la sua forza, sviene.

7.png

Rocco è con Nadia, ma lo vediamo in primissimo piano, il che è insolito. Di lei, vediamo solo un po' dei suoi capelli e la pelliccia del suo cappotto.

"Come potevo pensare mai che Simone ti amava tanto? Sapevo che gli era successo qualcosa che lo aveva cambiato. Lui era così buono". Mentre parla, Nadia piange dolcemente. "Ma io non potevo sapere che la causa eri proprio tu".

"Non è vero, Rocco, non è vero".

"Solo un uomo ridotto alla disperazione fa quello che ha fatto lui l’altra notte".

8.png

All'improvviso lei alza la testa e vediamo il suo viso. Rocco indossa una benda al lato del suo occhio, segno del recente combattimento. "Solo un uomo vile e crudele come lui! Io ti amo, Rocco. Non mi credi? Non capisci allora che è tutto inutile? Non credo più in niente! Ti supplico. Se vai avanti così, mi butto di sotto. Mi ammazzo! Capisci?!"

Lei si allontana correndo, e vediamo che sono in alto, in un paradisiaco corridoio a cielo aperto. Sono in cima al Duomo di Milano, su una passerella fiancheggiata da pinnacoli scolpiti. In lontananza, il sole sta cercando di aprirsi un varco tra le nuvole.

Mentre Rocco le urla di fermarsi, Nadia corre verso un arco ornato all'estremità. Lui si precipita all'inseguimento.

Lei si ferma infine su un'apertura e inizia ad arrampicarsi, ma Rocco la afferra. "Lasciami!" grida lei, affannosamente, poi si gira e lo guarda.

La musica dolente del violino suona, e fa venire in mente la prima scena del film.

Nadia spiega: "Tu mi hai teso la mano. Mi hai convinto che la vita che facevo era mostruosa. Ho imparato a volerti bene. E adesso, a causa della vigliaccheria di un mascalzone che ha voluto umiliarmi davanti a te per ridurci al suo stesso livello, improvvisamente niente più è vero? Quello che ieri era bello e giusto diventa una colpa oggi?"

“Tutti e due siamo colpevoli. E io più di te. Tu devi tornare con Simone”.

“Che cosa dici?” esclama lei mettendogli una mano sul petto, scrutando la sua faccia per cercare di capire.

“Simone ha bisogno di te”.

“Sì, Simone ha bisogno di me. Sì, questo lo so. E allora? Anche io però conto qualcosa, no Rocco? E allora dimmi: che cosa vuoi fare?”

“Solo tu puoi aiutare Simone”.

Lei si allontana improvvisamente e gira la testa: “È pazzo, pazzo!”

Lui si allontana e lei lo segue. Lui dice: "Abbiamo creduto di poter cominciare insieme una nuova vita. Senza pensare al male cha facevamo agli altri”.

"Se volessi una predica, andrei giù in chiesa". Lei lo prende per un braccio.

Lei preme il viso contro la sua spalla, poi lo guarda, dichiarando disperatamente: "Ti amo, Rocco, ti amo. E anche tu mi ami. Che ne faremo di tutto questo amore? Perché mi tormenti così?”

Lei lo guarda e lui si gira verso di lei. Bendato e contuso, questo bel ragazzo sembra un angelo caduto. "Non ci vedremo più, Nadia".

Una lacrima scorre giù lungo la sua guancia mentre lei risponde, senza capire: "Non è possibile, Rocco".

“Ma se è questo che vuoi, ti giuro te ne pentirai e sarà tardi. Ti odio! Ti odio! Ti odio! Ti odio!” ripete e poi scappa via da lui.

Lui si gira e la fissa mentre si allontana.

31.png

Poi, in un campo lungo dall'alto, vediamo la povera Nadia, sempre piena di spirito, anche nei momenti difficili, una giovane donna che ha cercato di trovare la felicità e migliorare la sua vita, apparire così piccola e insignificante sul tetto elaborato della cattedrale, quasi invisibile contro le piastrelle.

1.png

Simone è seduto a un tavolo da gioco. Ivo è appoggiato alle sue spalle, sta fumando. Ivo dice "Non c'è fortuna stasera”, mentre il croupier dichiara: "Vince il banco".

Mentre il croupier dice ai giocatori di piazzare le loro scommesse, Simone si toglie l'orologio per usarlo come garanzia. Ottiene alcune fiches in cambio del suo orologio, e Ivo gli augura buona fortuna. Simone, una sigaretta che pende dalle sue labbra, sembra stia uscendo con le persone sbagliate, dopotutto. Ma, ovviamente, non boxa più.

Da fuori campo, sentiamo la risata di una donna. Il croupier dice: "Silenzio, signori, che qui si gioca". La macchina da presa fa una panoramica fino alla stanza accanto, dove ci sono persone che si stanno rilassando su sedie comode, bevendo e chiacchierando.

Quella risata è venuta da Nadia, che sta raccontando qualche triste storia.

All'improvviso, Ivo è ora nella stanza, come una presenza malvagia. Le dice: "Povera Nadia. Ma vedrai che passerai anche questa. Tutto passa".

"Ci puoi giurare". Lei ridacchia in modo provocante e beve un sorso del suo drink.

7.png

Si appoggia indietro con gli occhi chiusi e dice: “Sto male”.

Ma Nadia non è una che si crogiola nel dolore. In precedenza ha detto a Simone di un uomo che l'aveva molestata da bambina, e poi – vedendo che non gli importava – ha ritrattato la sua storia. Ora apre gli occhi, si alza e sorride sovraeccitata. "Sapete la verità? C'è qualcuno che sta anche peggio di me. Eccolo lì". Indica un punto, mentre Simone entra dall’altra stanza. "È a lui che abbiamo fatto tanto male", dice citando Rocco sarcasticamente.

Simone sembra abbattuto. La sua cravatta è allentata e tiene la sua giacca in mano. "La vittima!" lo chiama lei ridacchiando ancora. Poi si alza e cammina verso di lui.

Arriva alla tenda dietro Simone, lui si gira verso di lei e dice: "Sei pazza?"

Lei sembra seria adesso. "Sono pazza? Sono io la pazza? Eh, sai che ha detto tuo fratello?" Lui si volta dall’altra parte accigliato.

Sorridendo ma con amarezza, dice alla gente nella stanza: "Sì, Rocco, suo fratello Sapete cosa mi ha detto? Ha detto che devo tornare con Simone, per consolarlo. Perché lui è troppo infelice, poverino". Mentre dice questo gli scompiglia i capelli. "Che lui non può vivere solo. Ha bisogno di qualcuno che lo aiuti”.

Improvvisamente lei afferra la manica di lui e preme il viso contro la sua schiena. Il buttafuori arriva dicendo: "Allora che cosa succede? Qui non voglio casini, va bene? Se è ubriaca portatela via".

Nadia si difende: "Oh, signore, gentilmente, eh? Io sono ben educata e voglio cortesia, molta cortesia. Me ne vado quando mi pare. Non puoi buttarmi fuori".

Si allontana da lui, ridendo. Ivo le dice di calmarsi.

20.png

Ma Simone ha qualcos'altro in mente. Con uno sguardo da predatore che riconosciamo dal suo incontro con Luisa nella lavanderia a secco, dice: "Che hai detto? Che vuoi tornare con me? Sono pronto se ti va".

“Io? Con te mai più. Ti odio” – ringhia – "Sì, ti odio", ripete, mentre Simone scuote leggermente la testa con un piccolo sorriso. "Te lo giuro, mai più!"

Lei getta il bicchiere sul pavimento. "Neanche se muoio! Ti avverto, se vieni vicino a me sai cosa farò? Ti sputerò in faccia davanti a tutti".

Il buttafuori dice: "Smettetela di fare casino voi due!"

Simone lo ignora e si mette la giacca mentre cammina lentamente verso Nadia. Lei lo avverte: "Non avvicinarti!" Ma lui continua con sicurezza e lei gli sputa in faccia.

Visconti ha collocato in primo piano due donne in bouffant biondo platino. Dobbiamo guardare la scena che si svolge intorno a loro.

Simone prende Nadia per le braccia e lei protesta: "Che cosa vuoi?! Che cosa vuoi?! Lasciami!"

Lui le si avvicina, tenendola stretta e le pizzica la guancia in modo provocante.

Ora la macchina da presa si sofferma sul loro scambio claustrofobico, in primissimo piano. Più questa storia diventa orribile, più il regista ci costringe ad entrare nello spazio degli attori.

"Andiamo", cinguetta lui.

Lei commenta amara: "Anche con il permesso del fratellino”.

"Andiamo".

“Per un'ora o per sempre?"

"Per me può essere per sempre se ti piace".

Lei sembra cedere. "Perché no?" chiede retoricamente. "Te o un altro, è proprio la stessa cosa". Dopotutto, ha perso Rocco, l'unico uomo che abbia mai amato davvero.

“Andiamo! Forza!”

Ma lei ride di lui: “No. Con te non ci vengo, perché non ti ho amato mai”.

Lui la bacia con forza, e lei si allontana, fissandolo. E poi lui la bacia di nuovo, quasi violentemente.

Lei accetta il suo bacio questa volta, e la macchina da presa si allontana da loro mentre le persone nella stanza, che li hanno fissati per tutto il tempo, tornano ai loro affari.

Rocco si siede sudato e sfinito nell'angolo di un ring. L'allenatore gli dà acqua; Cerri gli sussurra qualcosa nell’orecchio. L'allenatore ordina: "Tieni la guardia alta e colpisci l'occhio ferito, quello destro. Non fare il buono, picchia sull’occhio ferito, hai capito?" Questo non è il tipo di lavoro che il nostro angelo, Rocco, voleva fare. Lui è perso.

Il campanello suona e Rocco è di nuovo sul ring. I pugili si colpiscono l'un l'altro.

41.png

Un campo lungo ci mostra l'oscura sala da pugilato con un quadrato di luce sospeso sopra il ring. I due uomini si affrontano sferrando molti pugni.

Finalmente, Rocco punta all'occhio del suo avversario, e l'uomo va giù. Scuote la testa, cercando di trovare la forza per rialzarsi. Rocco ritorna al suo angolo mentre la folla chiama il suo nome.

Il pugile non riesce ad alzarsi e l’incontro è di Rocco. Cerri e l'allenatore gli danno una pacca sulla spalla e lo abbracciano. L'annunciatore lo proclama vincitore, “della rappresentativa Italiana”. Rocco cammina lungo i lati del ring, alternativamente inchinandosi e allungando le braccia. Quindi esce di soppiatto attraverso le corde.

L'area privata della sala è un alveare di attività: i combattenti, i loro amici, gli allenatori e gli assistenti sono impegnati in conversazioni animate. Ma Rocco passa dritto ed esce dall'inquadratura. Il pugile sconfitto viene aiutato a raggiungere il suo spogliatoio.

Rocco si siede in fondo a una scala, la testa curva giù. Suo fratello Ciro è con lui. Chiede: "Che hai, Rocco? Non stai bene?"

Sudando e tirando su col naso, sfinito e scoraggiato, Rocco cerca di spiegare: "Vincere per me è stato facile, perché non stavo più combattendo contro di lui. Era come se stessi combattendo con qualcun altro, qualcuno che ha suscitato l'odio in me, tutto questo odio che ho accumulato dentro di me senza neanche saperlo. È una brutta cosa, Ciro. Tu non puoi sapere quanto è brutta".

Ciro mette una mano sulla spalla di suo fratello. "Proprio tu parli così? Tu che non sei capace di fare niente di male".

"Su, Rocco, su! Sarai un campione! Un grande campione!"

Lo schermo diventa nero.

FINE PARTE V

ENGLISH TRANSLATION

Here is the link for Parte VI.

GLOSSARIO

  • abbattuto (abbattere) – downcast (past participle as adjective)

  • si accascia (accasciarsi) – he leans

  • accigliato (accigliare) – frowning

  • affannosamente – breathlessly

  • afferra (afferrare) – he grabs

  • allentata (allentare) – loosened (past participle as adjective)

  • un alveare (e/i) – a hive

  • mi ammazzo (ammazzarsi) – I kill myself (in the cineracconto: I’ll kill myself)

  • aprirsi un varco (co/chi) – to open a gap

  • arrampicarsi – to climb up

  • balbetta (balbettare) – he stammers

  • la baracca (cca/cche) – the shack

  • una benda (a/e) – a bandage

  • un berretto (o/i) di maglia – a knit cap

  • bordata (bordare) – edged (past participle as adjective)

  • il buttafuori (no change) – the bouncer

  • buttarmi (buttare) fuori – to kick me out

  • mi butto (buttarsi) di sotto – I’ll jump. (literally: I’ll throw myself down.)

  • caduto (cadere) – fallen (past participle as adjective)

  • il campo lungo – the long shot

  • il canale (e/i) di scolo – the gutter

  • capovolgendo (capovolgere) la sua vita – turning her life around

  • cedere – to relent

  • i cespugli (io/i) – the bushes

  • chi mi pare (parere) – who I want

  • cinguetta (cinguettare) – he coos

  • collassato (collassare) – collapsed (past participle as adjective)

  • colta (cogliere) di sorpresa – startled (past participle)

  • contuso (contundere) – bruised (past participle as adjective)

  • corrono (correre) – they run

  • costringono (costringere) – they force

  • la cravatta (a/e) – the necktie

  • si crogiola (crogiolarsi) – to wallow

  • dichiarando (dichiarare) – declaring

  • diroccata (diroccare) – tumbledown, dilapidated (past participle as adjective)

  • disfatto (disfare) – spent (past participle as adjective)

  • una distesa (a/e) – an expanse

  • dunque – so

  • esce (uscire) di soppiatto – he slips out

  • esitante (e/i) (esitare) – tentatively (present participle as adjective)

  • essere in grado di – to be capable of, able to

  • fa (fare) venire in mente – reminiscent (makes one think of)

  • "Mi fai (fare) schifo”. – “You disgust me.”

  • un falò (no change) – a campfire

  • fango – mud

  • fatica (faticare) – he struggles, strains

  • fiancheggiata (fiancheggiare) – lined (past participle as adjective)

  • fiches (e/es) – chips

  • una fontana (a/e) – a fountain

  • una foschia (ia/ie) – a haze

  • fuggire – to escape

  • garanzia (a/e) – collateral, guarantee

  • una giacca (cca/cche) di pelle – a leather jacket

  • giuro (giurare) – I swear, promise

  • guarda (guardare) lontano – he faces away

  • implacabile (e/i) – relentless

  • inchinandosi (inchinarsi) – bowing

  • incorniciato (incorniciare) – framed (past participle as adjective)

  • indica (indicare) – he points

  • indietreggia (indietreggiare) – she backs away

  • ingombra (o/a/i/e) – cluttered

  • insolito (o/a/i/e) – unusual

  • a malapena – barely

  • la manica (ca/che) – the sleeve

  • il marciapiede (e/i) – the sidewalk

  • un mascalzone (e/i) – a louse, scoundrel

  • minacciosi (o/a/i/e) – threatening (adjective)

  • momentaneamente – momentarily

  • le mutandine (a/e) – the panties

  • una nuvola (a/e) – a cloud

  • una pacca (cca/cche) – a pat

  • una passerella (a/e) – a walkway

  • la pelliccia (ccia/cce) – the fur

  • pende (pendere) – it droops, hangs

  • te ne pentirai (pentirsene) – you will regret it

  • penzola (penzolare) – it dangles

  • il petto (o/i) – the chest

  • piazzare le scommesse (a/e) – to place the bets

  • pinnacoli (o/i) scolpiti (scolpire) – sculptured pinnacles (past participle as adjective)

  • pizzica (pizzicare) – he pinches

  • i prati (o/i) – the fields

  • una predica (ca/che) – a sermon

  • preme (premere) – she presses

  • la presa (a/e) – the grasp

  • primissimo piano (o/i) – extreme close-up

  • provocante (e/i) – flirtatious

  • punta (puntare) – he aims

  • in punta di piedi – tiptoe

  • rantola (rantolare) – she gasps

  • ridacchia (ridacchiare) – she giggles

  • ridotto (ridurre) – reduced (past participle as adjective)

  • rilasciano (rilasciare) – they release

  • ringhia (ringhiare) – she hisses

  • si ripara (ripararsi) – he recoils

  • una sagoma (a/e) – a dark silhouette

  • scompiglia (scompigliare) – she tousles

  • sconfitto (sconfiggere) – defeated (past participle as adjective)

  • scorre (scorrere) – it flows

  • scuote (scuotere) – he shakes

  • sferrando (sferrare) – throwing, launching

  • sfinito (sfinire) – exhausted (past participle as adjective)

  • singhiozza (singhiozzare) – she sobs

  • si sofferma (soffermarsi) – it pauses, rests

  • soffoca (soffocare) – she stifles

  • sopraffanno (sopraffare) – they overpower

  • un sorso (o/i) – a drink, a sip

  • sospeso (sospendere) – suspended (past participle as adjective)

  • per sostenersi – for support, to support himself

  • il sottopassaggio (io/i) – the underpass

  • una specie di – a kind of

  • spettrale (e/i) – ghostly

  • sputerò (sputare) – I will spit

  • staccarsi – to break away

  • stende (stendere) – he lays down, stretches out

  • strappa (strappare) – he tears

  • stupra (stuprare) – he rapes

  • ha suscitato (suscitare) – he aroused, stirred up

  • svanita (svanire) – vanished (past participle)

  • sviene (svenire) – he passes out, faints

  • un tavolo (o/i) da gioco – a gambling table

  • hai teso (tendere) la mano – you extended a hand (past participle)

  • tirando (tirare) su col naso – sniffling

  • tremando (tremare) – shivering

  • un urlo (o/i) – a scream

  • la vigliaccheria – the brutality

  • un vigliacco (cco/cca/cchi/cche) – a coward

  • vince (vincere) il banco – the house wins

  • uno zimbello (o/i) – a laughingstock