Monsoon Wedding, Parte V

Italian title: Matrimonio Indiano

Regia di Mira Nair (2001)

ENGLISH TRANSLATION

Pimmi e Lalit sono a letto – o dovremmo dire nei loro letti, perché ognuno dorme su un letto singolo separato. Pimmi si gira con un sospiro. Indossa una camicia da notte di seta rosa. Lalit sembra essere addormentato, ma Pimmi è completamente sveglia. Guarda suo marito. Poi si alza dal letto, si avvicina al suo e inizia a baciarlo delicatamente: sul collo, sulla schiena.

Si ferma e dice a bassa voce il suo nome: "Lalit". Ma lui non risponde. Lei gli scompiglia i capelli. "Hmm?" – borbotta lui – "Lasciami dormire". E si gira dall’altra parte.

Fuori, Dubey e i suoi uomini stanno assemblando la tenda nuziale. Stanno usando un tessuto dai colori vivaci, come da richiesta di Lalit. Tameez-ud-din è appollaiato in alto, a cavalcioni su un palo di bambù. Chiede a chi sta giù: "Come devo associare i colori?"

Ma Dubey è ancora abbattuto per Alice. "Come vuoi" – poi annuncia – "Fratelli, me ne vado". Prende il suo dabba* e la valigetta, si alza e dice loro: "Fate senza di me".

"Cosa succede?"

"Non mi sento bene".

* Il dabba è un portapranzo a più livelli con contenitori separati per riso o pane (sul fondo), verdure, qualcosa di proteico e qualcosa di croccante se c'è un quarto livello!

I suoi uomini lo osservano con perplessità e preoccupazione mentre lui si allontana tristemente.

"Ho lavorato con Dubey per cinque anni" – dice Tameez-ud-din – "Non l'ho mai visto così".

"Non mangia nemmeno le calendule", nota Lottery.

"Dobbiamo fare qualcosa".

Il caos frenetico della vecchia Delhi! In strada, i pedoni camminano senza paura tra camion, furgoni, autobus, scooter e risciò. Le stelle del cinema di Bollywood sono mostrate in posa su un cartellone.

A casa, Ria e Aditi stanno avendo una conversazione seria.

"Cosa dirai a Hemant?" chiede Ria.

"Tutto".

"Oh Dio. E poi?"

"Mi dirà che sono una sgualdrina e che dovrei smammare. Come ho potuto essere così stupida?"

"Sei sicura di voler dire tutto a Hemant? Voglio dire, ora è tutto finito tra te e Vikram".

"Ria, non voglio mentire. Non voglio iniziare qualcosa di nuovo basato su bugie e inganni. È semplicemente sbagliato".

Aditi chiede a sua cugina: "Ti è piaciuto Hemant, no?"

"Sì!"

"È carino".

"Va bene per te", la rassicura Ria.

"Non posso fargli questo".

"Sto impazzendo!" dice Aditi, mentre il ritmo insistente di una canzone di Bollywood risuona in un'altra stanza. "Cos'è questa musica?"

"È Ayesha che fa le prove per il sangeet di stasera".

"Forse non dovrebbe disturbarsi", commenta Aditi sconfortata.

"Dai!"

Aditi ed Hemant camminano insieme sotto un portico, mangiando ghiaccioli. L'arco di pilastri modella l'inquadratura in modo discreto.

"Sono davvero contento che tu mi abbia chiamato, lo sai?" – dice Hemant – "Perché stamattina stavo per chiamarti io".

"Perché? Che è successo?"

"Non è successo niente. È stato bello vederti da sola ieri, quindi ho pensato di tentare la fortuna di nuovo".

"Sei molto carino quando ridi".

"Oh, sì?"

"Devo dirti una cosa" – inizia Aditi – "Probabilmente mi odierai alla fine, ma ho davvero bisogno che tu lo sappia".

"Va bene. Non ti odierò, però".

Vanno in uno snack bar all'aperto. Un ventilatore vetusto muove l'aria. Su una locandina, due amanti di Bollywood sono sul punto di baciarsi.

Hemant dice: "Questo era il mio posto preferito quando studiavo informatica. Il miglior tè del mondo".

"È bello". Le sedie sono rosse come la tettoia di Lalit.

"Oh, sì? Speravo che ti piacesse".

Hemant e il cuoco si salutano – in hindi – come vecchi amici.

"Non ti ho visto in giro", dice il cuoco.

"Sono stato via per quattro anni".

"Cosa prendete?"

"Due dei tuoi tè speciali. Il mio senza zucchero".

"L'America ti ha fatto il lavaggio del cervello. Niente zucchero, se è così che lo vuoi!”

Hemant si sporge in avanti verso Aditi e chiede: "Allora... cos’era così importante? Non vuoi più sposarmi?"

Con vergogna, Aditi guarda in basso.

Pimmi e Lalit siedono silenziosamente nella camera da letto. Pimmi sta guardando le cose che ha messo via negli anni per il matrimonio di Aditi. Lalit sta esaminando i conti.

"Pimmi, perché hai sparso tutte queste cose dappertutto? Devo fare la mia contabilità e non riesco a trovare i miei documenti".

Lei gli suggerisce di prendere un computer: niente carta!

Lui dice di essere troppo vecchio per imparare a usare il computer e inoltre: "Sai quanti soldi abbiamo già speso? Sai quanto mi ci vorrà per ripagare tutto questo?"

Lei si siede e lo chiama affettuosamente con il suo nomignolo. "Non preoccuparti così tanto, Lalee. La nostra unica figlia si sta per sposare". Cerca di aiutare il suo ansioso marito a ritrovare un po’ di prospettiva. "Guarda questi sari. Sai che ho comprato questo a Madras ventidue anni fa? Li colleziono dal giorno in cui Aditi è nata".

"Domani lei se ne andrà. Proprio così, in un giorno". Pimmi si siede, immobile, sopraffatta dall'emozione.

Allo snack bar, Aditi dice: "Mi dispiace".

"Sì" – risponde Hemant amaramente – "Dispiace anche a me".

Vanno via.

Anche se è molto arrabbiato Hemant tiene aperta la portiera della macchina per Aditi. Durante il viaggio, dice freddamente: "Non potevi controllarti, eh? Hai dovuto trascinarmi anche nel tuo casino. Cosa dovrei fare adesso?"

Attraverso il parabrezza, una cupola rosa è incorniciata da un viale alberato.

A casa, vediamo Alice nel giardino. Sta trasportando un pesante secchio di metallo, con un asciugamano intorno sulle spalle. Lottery, Yadav e Tameez-ud-din la fermano, parlando tutti in una volta. "Alice, un minuto. Volevamo parlarti. Ci dispiace. Abbiamo fatto un grosso errore. Non l'abbiamo fatto apposta. Non succederà più".

Ma lei guarda in basso e se ne va per la sua strada.

La macchina di Hemant accosta alla fine del viale alberato di Lalit, ma lui non entra. Aditi sta piangendo. Lei lo guarda, ma lui non si gira a guardarla.

Alla fine lei si apre da sola la portiera, scende dalla macchina e si incammina da sola sul vialetto. Dietro la macchina di Hemant, appena visibili, mucche camminano lungo la strada.

Ma Hemant ha dei ripensamenti. Scende dall'auto e corre dietro a lei, chiamando il suo nome.

"Mi dispiace", dice quando la raggiunge.

"Avevi tutte le ragioni per essere arrabbiato".

Lui continua: "Apprezzo molto il fatto che tu mi abbia parlato di Vikram. Non era necessario, ma l'hai fatto. Questa onestà significa molto per me. Sì, lo so che è un rischio, ma quale matrimonio non è un rischio? Sia che i nostri genitori ci presentino o che ci incontriamo in un club, che differenza fa? So che possiamo lasciarci tutto alle spalle. Lo credo davvero".

10 new.png

Lui le prende le mani tra le sue. "Credo che questo possa funzionare. Credo che possiamo essere felici. Per quanto riguarda la domanda se dobbiamo sposarci o no, sei proprio tu che devi rispondere".

Aditi mette la mano, con il suo motivo hennè da sposa, sul viso di lui. Poi lui, a sua volta, mette la mano sul viso di lei.

Dubey si fa strada verso casa. Passa accanto a fortificazioni di mattoni e palazzi a cupola, attraverso affollati mercatini, senza notare nulla. È perso nei suoi pensieri su Alice. Chiama con un gesto un risciò in bicicletta e si siede curvo sulla schiena, ignaro della brulicante città che lo circonda.

Imboccando un vicolo stretto, sale alcune ripide scale di pietra, fino all'appartamento che condivide con sua madre.

Mentre si sta togliendo le scarpe e le calze, sua madre va subito al punto: "Oh, Dio! A che cosa servono tutti questi soldi? Morirò prima di vedere la faccia di un nipote. Il nome di tuo padre sparirà senza lasciare traccia".

Dubey si toglie i pantaloni mentre sua madre continua: "Che peccato ho commesso? Non ti piace nessuna ragazza. Non hai voglia di sistemarti? Ramesh è sei mesi più giovane di te e ha due figli. Guadagna la metà di quello che guadagni tu. Sua madre si vanta dei suoi nipoti per rendermi gelosa".

Dubey entra nel bagno e da un secchio si getta acqua sulla faccia. Come deve essere per lui lavorare tutto il giorno in case sontuose come quella dei Verma e poi tornare la sera nella vecchia Delhi, in questo appartamento, da questo secchio? Si mette un asciugamano sulle spalle ed esce dal bagno.

Scalzo, in boxer e maglietta, esce sul balcone, dove splendidi fiori viola crescono lungo il lato dell'edificio. Il balcone offre una vista sulla Moschea Jama Masjid e sugli alti minareti vicini. Da questo punto di vista, nel blu scuro della sera, la sua casa sembra magnifica.

Profondamente triste, Dubey si siede su una sedia, piega le ginocchia contro il suo petto e, appoggiando il mento su di esse, osserva il paesaggio urbano, l'oscurità bucata da puntini di luce.

A casa Verma, il sangeet è in pieno svolgimento. C.L., come cerimoniere, annuncia che il matrimonio avrà luogo il giorno successivo.

Hemant e Aditi siedono tranquillamente insieme, sorridendo. Occupandosi del bar da solo, Rahul sembra a malapena in grado di tenere il passo con le ordinazioni.

Con Tej vicino, Lalit spiega al padre di Hemant, Mohan: "Dopo la divisione siamo venuti qui con niente. Nessun luogo dove andare. Senza futuro. La famiglia di Tej si è presa cura di noi. Lui ci ha istruiti, ci ha aiutato a stare in piedi sulle nostre gambe”.*

* Nel 1947 il dominio coloniale inglese in India è terminato. Gli inglesi hanno disegnato un confine che ha creato due paesi dall'ex India: il Pakistan, prevalentemente musulmano, e l'India secolare. L'odio religioso ha reso sanguinosa la migrazione di massa che ne è seguita: i musulmani si sono trasferiti in Pakistan e gli indù, i sikh e altre minoranze religiose sono andate dal Pakistan all'India.

Varun è arrabbiato – troppo arrabbiato per ballare con Ayesha al sangeet, nonostante tutte le prove. Ha appena scoperto che i suoi genitori lo manderanno in collegio.

"Varun, per favore!" lo implora Ayesha.

"Te l'ho detto: non mi interessa più niente. Non mi interessa. E questo è deciso". Si allontana e la lascia lì in costume.

C.I. scalda la folla: "Possa questa serata incantata risplendere per sempre!"

Qualcuno commenta: "Secondo me, voi Punjabi ostentate troppo".

A nome di tutti i Punjabi, Ria risponde: "Secondo me, voi bengalesi siete troppo presuntuosi".

Ciò provoca una risata generale, a significare che entrambe le affermazioni hanno la loro parte di verità.

Nel mezzo della festa, qualcosa cattura l'occhio di Ria. È Tej, che sta mettendo un fiore nei capelli della piccola Aliyah. Lui le bacia la testa, poi le stringe le spalle.

Appena lui se ne va, la bambina si toglie il fiore dai capelli e lo getta via, accigliandosi.

Ricordando che Rahul ha visto una delle prove di danza, Ayesha gli chiede di esibirsi con lei. Lei lo rassicura: "Puoi inventare i passi man mano che procediamo. Hai detto che adori ballare. Per favore! Ti sto implorando. Ho davvero bisogno del tuo aiuto".

Ma lui rifiuta, spiegando: "So ballare, ma questo non è un night club a Melbourne, sai. Non so ballare con questa musica".

Lei lo guarda torva e lo insulta, concludendo con una parola in hindi, "Sei un dannato straniero!"

Rahul dice a se stesso: "Sono appena caduto da uno stato di grazia".

Ma Saroj, la madre di Hemant, ha visto cosa è successo. Dice a Rahul: "Oh, tesoro, devi alzarti in piedi per poter cadere. Voglio dire, se continui a stare seduto sul tuo culo, non succederà niente". Lei cita una frase di una poesia in urdu: “Solo i guerrieri coraggiosi cadono dai loro cavalli in battaglia. Come possono i vigliacchi in ginocchio sapere cos'è una caduta?"

Lei gli mette la mano sulla spalla. "Quello che voglio dire, caro, è che la cosa principale è: devi combattere la battaglia".

Proprio allora, C.L. annuncia: "Ayesha!" Indossando un top a lustrini, l’ombelico in vista, Ayesha esegue i suoi passi con grande vivacità, per la gioia della folla.

Varie persone si uniscono a lei nella danza, brevemente, prima di lasciare il palco.

Un partner, di bell'aspetto, sembra conoscere tutte le mosse. È completamente in sintonia con Ayesha. Rahul lo nota e non è felice.

Alla fine trova il coraggio. Sulla pista da ballo, spinge l'altro uomo lontano da Ayesha. La folla applaude.

Copiando alcune mosse di Ayesha, improvvisa una fusione di Bollywood con la danza in stile occidentale. Ora è Rahul che è completamente in sintonia con Ayesha.

Tutti si muovono sulla pista da ballo. Anche Varun balla con sua madre: ha dimenticato i suoi capricci.

Hemant suggerisce ad Aditi di andare via e rimanere soli insieme. Quindi anche per loro le cose vanno bene.

Contrariamente all'ultimo incontro romantico di Aditi, confinato nell'auto di Vikram sotto la pioggia battente, tutto è ora all'aperto, illuminato e pubblicamente celebrato. Hemant la conduce su una scala a chiocciola all'esterno della casa. Si baciano in piedi sul balcone, sullo sfondo delle luci festose del matrimonio.

Nel frattempo, ecco che arriva Dubey. Attraversa il giardino portando un cuore fatto di calendule. È vestito con una camicia blu pulita e una cravatta multicolore. Cammina verso la cucina, dove ha avuto la sua prima vera conversazione con Alice. La porta rosso vivo è chiusa. Lui guarda la porta e, dopo un momento, si volta e si allontana.

Ma poi torna indietro velocemente. Inginocchiandosi su una coperta arancione circondata da candele, tiene in mano il cuore di calendule come se stesse pregando. Ha creato una specie di altare vivente per Alice. Finalmente lei arriva alla porta, i suoi capelli sciolti che cadono sulle spalle.

Mentre emerge lentamente dall'edificio, Dubey si alza e allunga il cuore verso di lei, pronunciando il suo nome.

Alla fine lei sorride. L'innocenza e la passione contenuta di questi due personaggi contrasta con il rapporto mondano e pragmatico di Aditi e Hemant. La vera storia d'amore di questo film è tra Alice e Dubey.

Alla fine lei sorride. L'innocenza e la passione contenuta di questi due personaggi contrasta con il rapporto mondano e pragmatico di Aditi e Hemant. La vera storia d'amore di questo film è tra Alice e Dubey.

In questa fase della festa, le persone stanno semplicemente passando il tempo, parlando tranquillamente. Un ragazzo commenta: "Non mi piace baciare".

Una delle donne risponde, "Tipico uomo".

"No davvero”, – risponde lui – “Mi confondo su cosa fare. La tua lingua entra e si muove o resta immobile? Mi rende solo troppo nervoso".

"Non pensare", – consiglia Aditi – "Solo lasciati trasportare".

"Non so quale sia il problema", – aggiunge Aliyah – "So tutto sul bacio".

"Davvero, piccola?" chiede Ria.

"Tutto?" chiede qualcun altro.

"Sì, qual è il problema?"

"Nessun problema", assicura ironicamente l'uomo che per primo ha sollevato la questione.

Aliyah continua: "È schifoso. Tu apri la bocca e lui ti infila la lingua".

Ria è sbalordita. Quindi Tej sta molestando Aliyah.

La bambina si alza per andarsene, dicendo: "Sì, non lo sai? È così che i grandi si baciano".

Ria, raggelata, la osserva che cammina verso le zie e gli zii che stanno parlando insieme.

Aliyah si siede accanto a Sona, sua madre, e crolla insonnolita tra le sue braccia. "Mamma" – si lamenta – "Voglio dormire".

Tej lo nota e dice a sua moglie: "Vado ad aiutare". Lei annuisce.

Nel frattempo, il padre di Aliyah, Uday, ha ricevuto una telefonata e si allontana per rispondere.

Tej va verso Aliya e le dice: "Aliyah, vieni“.

Sona spiega: "Ha sonno".

Tej dice: "La porto fuori per un giro in macchina".

Ria guarda, vedendo in qualche modo se stessa in quella bambina indifesa.

Tej e Aliyah passano accanto a Uday, che è ancora al telefono. Tej spiega: "È stanca e di cattivo umore. Pensavo di portarla a fare un giro".

"Grazie".

"Ciao".

Ora vediamo Ria che corre nell'oscurità, cercandoli, chiamando "Aliyah?"

Una voce chiede: "Ria, cosa sta succedendo?"

Corre verso il DJ con il berretto e le spalline militari e gli chiede "Hai visto Zio Tej? Quel vecchio alto..."


FINE PARTE V

ENGLISH TRANSLATION

Here is the link for Parte VI.  

GLOSSARIO

  • accigliandosi (accigliarsi) – frowning

  • accosta (accostare) – it pulls over

  • le affermazioni (e/i) – the statements

  • affollati (affollare) – crowded (past participle as adjective)

  • altare (e/i) – altar

  • angusto (o/a/i/e) – cramped

  • all'aperto – outdoor

  • apposta – on purpose, intentionally

  • il berretto (o/i) – the cap

  • borbotta (borbottare) – he mutters

  • brulicante (e/i) – teeming

  • bucata (bucare) – punctured (past participle as adjective)

  • i capricci (io/i) – the tantrum

  • un cartellone (e/i) – a billboard

  • a cavalcioni – straddling

  • cerimoniere (e/i) – emcee

  • collegio (io/i) – boarding school

  • conduce (condurre) – he leads

  • contenuta (contenere) – restrained (past participle as adjective)

  • i conti (o/i) – the bills

  • una coperta (a/e) – a blanket

  • croccante (e/i) – crispy

  • crolla (crollare) – she collapses

  • il culo (o/i) – the ass

  • Dai! – Come on!

  • la divisione (e/i) – Partition

  • sta esaminando (esaminare) – he is going over, reviewing

  • esibirsi – to perform
    fa (fare) le prove – she is rehearsing

  • si fa (farsi) strada – he makes his way

  • ha fatto (fare) il lavaggio del cervello – it has brainwashed

  • un filo (o/i) – a line, cord

  • in giro – around, around and about
    i grandi – older people, adults

  • guadagna (guadagnare) – he earns

  • guarda (guardare) torva – she scowls

  • i guerrieri (o/a/i/e) – the warriors

  • ignaro (o/a/i/e) – oblivious

  • imboccando (imboccare) – turning into, entering

  • è incorniciata (incorniciare) – it is framed (past participle)

  • inganni (o/i) – lies

  • inoltre – besides

  • insonnolita (o/a/i/e) – sleepy, half asleep

  • inventare – to make up

  • si lamenta (lamentarsi) – she whines

  • lasciati (lasciarsi) trasportare! – go with the flow!

  • un letto (o/i) singolo (o/i) – a twin-size bed

  • lustrini (o/i) – spangles, sequins

  • man mano che procediamo (procedere) – as we go along

  • mercatini (o/i) – street markets

  • mondano (o/i/a/e) – worldly

  • la Moschea (ea/ee) – the Mosque

  • le mosse (a/e) – the moves

  • mucche (a/e) – cows

  • il nomignolo (o/i) – nickname

  • nuziale (e/i) – matrimonial

  • occupandosi (occuparsi) del bar – tending bar

  • odierai (odiare) – you will hate

  • l’ombelico (co/chi) – the midriff

  • ostentate (ostentare) – you act ostentatious, showy

  • palazzi (o/i) – palaces

  • il palco (co/chi) – the stage

  • il parabrezza – the windshield

  • i pedoni (e/i) – the pedestrians

  • pesante (e/i) – heavy

  • piccioncini (o/i) lovebirds

  • piega (piegare) – he folds

  • pietra (a/e) – stone

  • pilastri (o/i) – pillars

  • la pista (a/e) da ballo – the dance floor

  • un portapranzo (no change) – a lunch pail

  • presuntuosi (o/a/i/e) – pretentious

  • una prospettiva (a/e) – a perspective

  • proteico (o/a/i/he) – protein

  • pulita (o/a/i/e) – sharp, smart-looking

  • puntini (o/i) – dots

  • quanto ci vorrà (volere) – how long it will take

  • per quanto riguarda (riguardare) – as far as, regarding

  • raggelata (raggelare) – frozen (past participle as adjective)

  • ripide (o/a/i/e) – steep

  • sbalordita (sbalordire) stunned (past participle as adjective)

  • una scala (a/e) a chiocciola – a spiral staircase

  • scalda (scaldare) – he warms up

  • scale (a/e) – stairs

  • scalzo (o/a/i/e) – barefoot

  • schifoso (o/a/i/e) – gross, disgusting

  • sciolti (sciogliere) – loose, untied (past participle as adjective)

  • scompiglia (scompigliare) – she tousles

  • un secchio (io/i) – a bucket

  • una sgualdrina (a/e) – a slut

  • in sintonia – in synch

  • sistemarti (sistemarsi) – you settle down

  • smammare – to scram, get lost

  • sontuose (o/a/i/e) – extravagant

  • sopraffatta (sopraffare) – overwhelmed (past participle as adjective)

  • un sospiro (o/i) – a sigh

  • le spalline (a/e) militari (e/i) – the epaulettes

  • sparirà (sparire) – it will disappear

  • hai sparso (spargere) – you have spread [something] out

  • spogliarsi – to undress

  • le stelle (a/e) – movie stars

  • per la sua strada – on her way

  • uno straniero (o/a/i/e) – a foreigner

  • si strappa (strapparsi) – he tears off

  • stretto (o/a/i/e) – narrow

  • tenere il passo – to keep up

  • tentare la fortuna – to try one’s luck

  • un tessuto (o/i) – a cloth

  • traccia (ccia/cce) – [a] trace (noun)

  • trascinarmi (trascinare) – to drag me

  • va (andare) bene per te – he’s good for you

  • si vanta (vantarsi) – she shows off

  • un ventilatore (e/i) – a fan

  • vergogna – shame

  • vetusto (o/a/i/e) – ancient

  • un viale (e/i) – an avenue

  • un vicolo (o/i) – an alleyway

  • i vigliacchi (o/a/i/e)– the cowards

  • in vista – exposed

  • vivacità – energy, liveliness